Simest sostiene le aziende che esportano

Simest finanzia le imprese che esportano per almeno il 35% del fatturato

Le PMI italiane, costituite in forma di società di capitali, che nell’ultimo triennio abbiano realizzato all’estero almeno il 35% del proprio fatturato possono richiedere a Simest un finanziamento finalizzato al miglioramento o mantenimento del livello di solidità patrimoniale dell’impresa (rapporto patrimonio netto/attività immobilizzate nette) rispetto a un “livello soglia” (0,65 per le industriali/manifatturiere, 1% per commercio/servizi).

Le imprese che raggiungano il livello soglia in fase di accoglimento, possono accedere a una riduzione di garanzia.

L’importo massimo finanziabile è di 400.000 euro, fino al 25% del patrimonio netto dell’impresa richiedente. La durata del finanziamento è di massimo 7 anni, di cui 1 o 2 di preammortamento.

Non è più richiesta la forma di SpA al momento dell’erogazione e il rimborso a tasso agevolato è pari al 10% del tasso di riferimento UE (con il limite a zero) in caso di miglioramento o mantenimento del livello di solidità patrimoniale. Minori sono anche le garanzie da prestare, anche in alternativa alla fideiussione bancaria, ad es. “cash collateral” costituito in pegno, in funzione della valutazione dell’impresa