Emilia Romagna: Finanziamenti per servizi innovativi

La Regione Emilia-Romagna ha emanato un bando a favore delle PMI attive nei settori della Strategia Regionale di Specializzazione Intelligente ed impegnate in percorsi di innovazione tecnologica e diversificazione dei propri prodotti e/o servizi.

L’obiettivo è di accrescere la quota di mercato o di penetrare in nuovi mercati.

Saranno ammesse ad agevolazione esclusivamente consulenze a contenuto tecnologico finalizzate alla realizzazione di progetti di innovazione e diversificazione aziendale, di importo compreso tra 10.000 e 80.000 euro.

Quali azioni sono finanziate?

  • ampliamento della gamma dei prodotti e/o servizi o la loro significativa ridefinizione tecnologica e funzionale in senso innovativo;
  • introduzione di contenuti e processi digitali e di innovazione di servizio in grado di modificare il rapporto con clienti e stakeholder;
  • ricaratterizzazione dei prodotti e dei servizi verso la sostenibilità ambientale, l’inclusione e della qualità di vita, la cultura e la società dell’informazione.

Più specificamente saranno agevolati, mediante la corresponsione di contributi a fondo perduto di importo pari al 50% delle spese ritenute ammissibili, i progetti basati sull’acquisto dei seguenti servizi:

  1. consulenze tecnologiche e di ricerca, studi e analisi tecniche
  2. prove sperimentali, misure, calcolo, certificazioni di prodotto
  3. progettazione software, multimediale e componentistica digitale
  4. design di prodotto/servizio e concept design
  5. stampa 3D di elementi prototipali
  6. progettazione impianti pilota

I contratti di fornitura dovranno essere stipulati per almeno il 50% del valore del progetto con soggetti che appartengano a Laboratori e centri per l’innovazione, Università e altre Istituzioni di rango universitario, Enti pubblici ed Organismi di ricerca, Start-up innovative nonchè FabLabs aderenti alla FabFoundation (per FabLab, dall’inglese Fabrication Laboratory, si intende un’officina-laboratorio equipaggiata con macchine per la fabbricazione digitale) mentre l’eventuale parte ulteriore di servizi di consulenza (fino al 50% del costo totale del progetto) potrà essere fornita da professionisti iscritti agli ordini professionali.

L’invio delle domande di contributo, ordinate in apposita graduatoria di merito sulla base di specifici indici di priorità, potrà essere effettuato dal 16 al 31 Ottobre p.v.