Credito Imposta Bonifica Amianto: ecco le novità!

Presentato al Senato un disegno di legge per il riordino della normativa in materia di AMIANTO con Credito d’Imposta.

Esponiamo sinteticamente le conferme e novità rispetto alla precedente edizione (di cui siamo in attesa degli imminenti esiti e delle indicazioni in merito alla possibile riapertura sulle spese 2016):

  • Dotazione: 17 milioni di euro (inalterata rispetto all’edizione 2016)
  • Ammissibilità delle spese effettuate dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2017, di importo min. 20.000 €
  • Ammissibilità anche per gli interventi di incapsulamento e confinamento (esclusi nella precedente edizione), oltre a quelli di rimozione e smaltimento amianto (no nuova copertura)
  • Reg. de minimis n. 1407/2013, senza cumulabilità alcuna
  • Utilizzo del credito d’imposta in 3 quote annuali di pari importo, a partire dal 2018
  • Domanda telematica (a consuntivo) sul sito del Minambiente a partire dal 30° giorno successivo all’approvazione della legge in GU e fino al 31/03/2018, con istruttoria in base all’ordine cronologico di presentazione.

Per essere aggiornato continua a consultare le news nelle prossime settimane o mettiti in contatto con noi!

Liguria: al via la legge sulla Crescita

Regione Liguria ha costituito il comitato d’indirizzo del fondo strategico regionale.

Il Fondo, che è stato istituito dalla Legge sulla Crescita della Regione Liguria, il cosiddetto “Growth Act”, individua ulteriori strumenti di supporto finanziario a favore di imprese e infrastrutture.

Il Fondo strategico regionale per il 2017 avrà una dotazione di 44 milioni di euro, di cui 26 milioni previsti per le imprese e 18 per la realizzazione delle Infrastrutture e per il territorio.

I capitoli di intervento previsti al suo interno sono otto, con una particolare attenzione all’ambiente. Si va dal risanamento idrogeologico, alle bonifiche e riqualificazione ambientale e paesaggistica fino al turismo.

Per i prossimi sono già stati previsti circa 100 milioni di euro di risorse regionali da destinare al Fondo. I fondi sono provenienti da strumenti rotativi delle precedenti programmazioni e ancora giacenti e da eventuali fondi nazionali. Sono inoltre usate nuove risorse della programmazione 2014-2020, con l’obiettivo di dare nuovo impulso alle piccole e medie imprese.

Vi segnaliamo inoltre che a breve verrà pubblicato un bando a sostegno delle aziende audiovisive.

L’attività della Genova Liguria film commission per il 2016 ha infatti visto un incremento delle giornate di produzione del 20%, pertanto si è deciso di utilizzare fondi Fesr e fondi Fse per sostenere le aziende dell’audiovisivo.

Sarà emanato a breve un bando con fondi Fesr destinato a sostenere le aziende dell’audiovisivo per incentivare sia le produzioni esterne a scegliere la Liguria sia le aziende liguri del settore. Contemporaneamente, verrà attivata anche una parte dedicata alla formazione con risorse del Fondo Sociale Europeo, così da garantire la possibilità di corsi di formazione brevi e specifici.

 

Diagnosi energetiche PMI

Nuovi finanziamenti per investimenti in diagnosi energetiche

Con decreto interministeriale MISE-MINAMBIENTE sono stati approvati i programmi regionali per la realizzazione di diagnosi energetiche nelle PMI o l’adozione di sistemi di gestione dell’energia ISO 50001.
All’avviso, che metteva a disposizione 15 milioni di euro per il 2016, hanno risposto 11 regioni, per un totale di oltre 8 milioni di euro di contributi MISE. Insieme alle risorse delle  Regioni partecipanti, renderanno disponibili circa 16 milioni di euro. I fondi sono a copertura del 50% dei costi che le PMI sosterranno.

Criteri e modalità di accesso alla misura saranno definiti con appositi bandi regionali.

INAIL ISI 2016: pubblicato il bando

L’Inail finanzia in conto capitale le spese sostenute per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

L’Inail ha pubblicato il nuovo Bando 2016

L’ente rende disponibili complessivamente 244.507.756 euro. I finanziamenti sono a fondo perduto e vengono assegnati fino a esaurimento, secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande.
Il contributo, pari al 65% dell’investimento, fino a un massimo di 130.000 euro. Viene erogato a seguito del superamento della verifica tecnico-amministrativa e la conseguente realizzazione del progetto ed è cumulabile con benefici derivanti da interventi pubblici di garanzia sul credito.
Dal 19 aprile 2017, fino alle ore 18.00 del 5 giugno 2017, nella sezione “Accedi ai servizi online” del sito Inail le imprese registrate avranno a disposizione un’applicazione informatica per la compilazione della domanda.

Innovazione: riapertura bando Liguria

La Giunta Regionale ha approvato, con deliberazione del 20 dicembre 2016, la riapertura del bando “Sostegno alla valorizzazione economica dell’innovazione attraverso la sperimentazione e l’adozione di soluzioni innovative nei processi, nei prodotti e nelle formule organizzative, nonché attraverso il finanziamento dell’industrializzazione dei risultati della ricerca”.

Visto l’alto numero di domande presentate nelle due precedenti finestre del Bando,la Giunta Regionale ne ha deciso la riapertura. L’obiettivo è consentire, ad altre imprese del territorio, di fare investimenti sull’innovazione e sulla dotazione tecnologica.

Il bando si propone di sostenere progetti d’investimento in innovazione di prodotto e servizio, di processo e organizzativa per rafforzare la competitività del sistema produttivo con specifico riferimento alle aree di Specializzazione Intelligente definite dalla Strategia Regionale:

  • Tecnologie del mare
  • Salute e scienze della vita
  • Sicurezza e qualità della vita nel territorio

I destinatari del bando sono le micro, piccole, medie e grandi imprese in forma singola o associata (forma cooperativa o consortile).

Gli investimenti devono riguardare unità locali ubicate sul territorio della Regione Liguria.

Le risorse assegnate sono pari a 10 milioni di euro.

Ricerca & Sviluppo: Frim Lombardia

Regione Lombardia ha approvato il provvedimento di (ri)attivazione della misura FRIM FESR 2020 – “RICERCA&SVILUPPO” con la pubblicazione degli elementi essenziali della misura.

Nello specifico l’iniziativa, in continuità con la precedente Linea R&S per PMI (FRIM FESR 2020), intende favorire gli investimenti in ricerca e sviluppo. Sono agevolati gli investimenti finalizzati all’innovazione, che garantiscano ricadute positive sul sistema competitivo e territoriale lombardo.

Il bando verrà approvato nei primi mesi del 2017.

Chi sono i beneficiari?

PMI lombarde dei settori manifatturiero, costruzioni e alcune categorie di servizi alle imprese

Quali sono gli interventi agevolabili?

Progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale di importo minimo pari a € 100.000 finalizzati all’introduzione di innovazione di prodotto e/o di processo. Sono interessate le aree di Smart Specialisation Strategy di Regione Lombardia (S3): aerospazio, agroalimentare, eco-industria, industrie creative e culturali, industria della salute, manifatturiero avanzato, mobilità e smart cities and communities.

In cosa consiste l’agevolazione?

Finanziamento regionale a medio termine fino al 100% delle spese ammissibili e con un massimale di € 1.000.000 a tasso fisso pari allo 0,5%

FRIM: finanza e e-commerce in Lombardia

Regione Lombardia ha istituito una nuova linea di intervento nell’ambito del FRIM denominata “Interventi per il sostegno dell’export”.

Contestualmente alla chiusura del FRIM FRI, Regione Lomabrdia ha dato il via libera ad una nuova linea del FRIM con una dotazione di 5 milioni di euro che sono stati assegnati al finanziamento della nuova misura denominata “FINANZA E E-COMMERCE: nuove azioni per sviluppare l’orientamento delle PMI lombarde verso i mercati esteri”.

La misura prevede il sostegno e l’accompagnamento delle imprese che intendono sviluppare e consolidare la propria posizione sui mercati esteri. Vengono agevolate attività di consulenza nella definizione ed attuazione di un piano finanziario a sostegno e consolidamento dell’attività di export. Inoltre, sono finanziate le spese per il supporto nell’individuare ed attuare una strategia di posizionamento sulle piattaforme digitali per lo sviluppo dell’export.

Innovazione processo e prodotto: FRIM

Finanziamenti per l’innovazione di Prodotto o di Processo in Lombardia.

Dal 9 gennaio 2017 le PMI e le grandi imprese Mid Cap (fino a 3000 dipendenti) con sede operativa in Lombardia potranno inviare domande a Finlombarda per richiedere finanziamenti per innovazione di prodotto e processo da 300 mila euro fino a 7 milioni di euro, con durata fino a 7 anni di cui 2 di preammortamento, con un abbattimento tassi del 2,5%.

L’iniziativa sostiene, fino al 100% delle spese per innovazione di prodotto e processo.

La Sottomisura Prodotto finanzia progetti consistenti nell’industrializzazione di un progetto di ricerca e sviluppo finalizzato al miglioramento di un prodotto esistente o alla realizzazione di un nuovo prodotto. La Sottomisura Processo finanzia progetti finalizzati all’innovazione di processo attraverso l’introduzione di un metodo di produzione o di distribuzione nuovo o sensibilmente migliorato ottenuto attraverso cambiamenti delle tecniche, delle attrezzature e/o di software.

I progetti per investimenti in innovazione dovranno avere una durata massima di 18 mesi. L’erogazione del finanziamento, composta per il 50% da risorse della Regione e per il 50% di una banca convenzionata, avverrà con un anticipo tra il 20 e il 70% all’atto di sottoscrizione del contratto di finanziamento, la restante parte a conclusione del progetto, previa rendicontazione finale.

La domanda dovrà prevedere in particolare una descrizione tecnica dell’innovazione e un business plan economico finanziario dettagliato del progetto.

Credito Adesso: liquidità agevolata

Il Credito Adesso della Regione Lombardia offre il 2% di abbattimento tasso sulla liquidità per Piccole e Media e Grandi imprese.

Il Credito Adesso è un’agevolazione a favore delle imprese con sede operativa in Lombardia e che presentino ORDINI accettati o CONTRATTI DI FORNITURA di beni e/o servizi.

Tramite la Regione Lombardia e una banca convenzionata, a fronte di ordini aperti non antecedenti i tre mesi e non ancora totalmente evasi, un’azienda può richiedere un finanziamento agevolato (fino a 500 mila euro per piccole imprese, 750 mila per medie imprese, 1,5 milioni per le imprese Mid Cap) composto per il 60% da fondi della banca convenzionata e per il 40% da fondi Bei.

La finalità è quella della liquidità utile a sostenere l’attività dell’impresa, la durata è fino ai 36 mesi. Sul tasso finale stabilito dalla Banca, la Regione, tramite Finlombarda, riconosce all’azienda un abbattimento del 2% del tasso in conto interessi a fondo perduto, direttamente sul conto corrente dell’azienda.

Il Bando, che è stato appena rinnovato con migliori condizioni, offre anche un accesso semplificato (senza la presentazione di ordini) con finanziamenti fino a 200 mila euro.