Bonus Pubblicità: approvati alcuni emendamenti

Verso il Bonus Pubblicità sulle testate online anche dal 2018, esteso agli investimenti degli enti non commerciali: gli emendamenti al decreto e i tempi di approvazione.

Bonus pubblicità esteso a quotidiani e periodici online anche dal 2018 e agli investimenti da parte di enti non commerciali. Sono gli unici due emendamenti approvati in Commissione Bilancio al Senato relativi al credito d’imposta sui costi sostenuti sugli organi di stampa. Il riferimento è all’articolo 4 del Decreto fiscale  che finanzia il bonus pubblicità 2018 e lo estende al periodo dal 24 giugno al 31 dicembre 2017.

Si tratta di un’agevolazione fiscale relativa agli investimenti pubblicitari (costi sostenuti da imprese e autonomi) su stampa quotidiana e periodica, anche online, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali anche digitali. La condizione è che superino almeno dell’1% gli investimenti dell’anno precedente. Il credito d’imposta si applica sulla quota incrementale della spesa sostenuta (dai medesimi soggetti sui medesimi canali) ed è pari al 75% come regola di base, salendo al 90% per microimprese, PMI e Startup innovative.